Pasqua 2023: quando è + idee vacanze

Pasqua 2023
Pasqua 2023: ecco tutte le date e i giorni delle vacanze a scuola, per organizzare al meglio un viaggio

La prossima Pasqua sarà: domenica 9 aprile 2023. Come consuetudine, il calendario scolastico prevede che le scuole chiudano per una settimana, e molte famiglie hanno così qualche giorno di ferie che speriamo, stavolta, di poter sfruttare! Si, perché le vacanze di Pasqua sono tra le migliori: come scelta di mete, clima e anche prezzi!

Non sapete ancora dove andare e cosa fare per Pasqua e Pasquetta 2023? Vediamo dunque i giorni da sfruttare per una vacanza e un po’ di idee di cose da fare e vedere.

Quando è Pasqua 2023 (e le vacanze)?

Ecco tutte le date in breve, per organizzarvi al meglio:

  • Quando è Pasqua 2023: domenica 9 aprile 2023
  • Quando è Pasquetta 2023: lunedì 10 aprile 2023
  • Quando sono le Vacanze di Pasqua 2023: scuole chiuse dal 6 al 11 aprile 2023 compresi, in tutte le regioni Italiane.

Vacanze di Pasqua 2023 a scuola

Per programmare al meglio il viaggio, ecco i giorni di chiusura delle scuole in occasione delle prossime vacanze di Pasqua.

La chiusura delle scuole per le vacanze pasquali varia in base alle regioni, visto che ognuna applica il proprio calendario scolastico. Gli unici due giorni che rientrano sempre nel calendario delle festività nazionali sono il giorno di Pasqua e la Pasquetta. Vediamo in dettaglio quali sono gli altri giorni di festa e se sono simili in tutte le regioni italiane.

Quest’anno in occasione della Pasqua, tutti gli studenti, dalla scuola elementare all’università, resteranno a casa dal 6 aprile al 11 aprile 2023 compresi: talvolta in alcune regioni possono esserci variazioni di più o meno 1 giorno, ma quest’anno regioni e provincie autonome hanno un calendario Pasquale identico.

Fortunati saranno quegli istituti scolastici che avranno approvato un calendario più flessibile, con qualche giorno di festa in più da poter sfruttare alla grande, visto che dopo pochi giorni dalla fine delle vacanza di Pasqua, si potrà usufruire anche del ponte del 25 aprile.

Calendario scolastico vacanze di Pasqua 2023

  • Ultimo giorno di scuola prima delle vacanze di Pasqua 2023: mercoledì 5 aprile 2023
  • Primo giorno delle vacanze di Pasqua 2023: giovedì 6 aprile 2023
  • Ultimo giorno delle vacanze di Pasqua 2023: martedì 11 aprile 2023
  • Rientro a scuola dopo le vacanze di Pasqua 2023: mercoledì 12 aprile 2023

Noi di Viaggi Brevi raccomandiamo a tutti i genitori di programmare i viaggi Pasquali strettamente nei giorni di scuole chiuse: sempre, ma a maggior ragione quest’anno, nel quale i ragazzi potrebbero aver perso alcuni giorni di scuola in presenza, a causa dell’emergenza da covid-19.

Pasqua 2023
Pasqua 2023: ecco tutte le date e i giorni delle vacanze a scuola, per organizzare al meglio un viaggio

Dove andare a Pasqua 2023: idee di viaggio

Noi pensiamo che non esista periodo dell’anno in cui la scelta sia più varia: potete scegliere di andare al mare così come a sciare, ma la bellezza della primavera invita anche ad andare alla scoperta delle nostre campagne e di quelle città solitamente torride, o troppo affollate, in estate.

Pasqua in Italia

Un breve viaggio in Italia è da sempre la prima scelta per i lunghi weekend primaverili. E’ bello andare alla scoperta delle nostre campagne e nella nostra storia, e quest’anno lo sarà ancora di più! Il bel tempo che tutti auspichiamo in questo periodo, non ancora troppo caldo, ci fa propendere per quelle mete ottime per la “mezza stagione” quali agriturismo e visite nelle città d’arte.

Vi suggeriamo di sfruttare il flusso di turisti ancora basso per andare alla scoperta delle grandi città, senza l’invasione del turismo di massa: stiamo parlando in particolare di Venezia, di Firenze, di Roma.

  • Alcune idee: Pasqua in Italia
  • Prezzo medio Pasqua in Italia: min. 180,00 € a persona per 3 giorni (2 notti) in città

Capitali Europee

Un breve viaggio in Europa, magari sfruttando i voli low cost, può essere un ottimo stimolo per chi ha pensa di essere stato troppo in Italia nello scorso anno! Tra l’altro, il tempo è già buono per visitare le capitali del Nord: approfittatene! Più difficilmente invece troverete disponibili voli per mete stagionali quali Grecia e Canarie, che pure sarebbero niente male, ma che ancora non sono considerate “in stagione”.

Sciare a Pasqua

Ci rivolgiamo adesso agli sportivi e ai veri appassionati di montagna. Si, a nostro giudizio, sciare a Pasqua è da veri appassionati, specie se cade “alta”: quelle due/tre settimane fanno la differenza e alcune località sciistiche potrebbero essere già chiuse. Per le altre, il caldo potrebbe nuocere alla qualità del manto nevoso, per cui il nostro consiglio è quello di orientarsi su località “alte” e fredde! Qualche esempio? Livigno, La Thuile e Cervinia.

  • Le mete giuste per la Pasqua sugli sci: Pasqua in Montagna
  • Prezzo medio per asciare a Pasqua: 5 giorni Pasqua a Livigno 500,00 € a persona con hotel e skipass

Viaggio esotico per Pasqua

Infine, cosa ne pensate di un viaggio “lungo”? I nostri preferiti in questo periodo sono le crociere (ci sono buone offerte) ed i viaggi esotici, ad esempio in Messico o Caraibi, ma anche in Thailandia al mare o magari nella mondana Dubai.

Offerte Pasqua 2023

Ma quanto costa fare un viaggio di Pasqua? Ecco alcune indicazioni sulle offerte di quest’anno per alcuni dei pacchetti di viaggio più richiesti:

  • Settimana bianca di Pasqua: da 750,00 euro per hotel + skipass e noleggio sci
  • Pasqua alle Terme: da 370,00 euro per 3 giorni in hotel + accesso piscine
  • Pasqua in Agriturismo: da 90,00 euro al giorno per appartamento familiare
  • Crociera di Pasqua nel Mediterraneo: min. 690,00 euro per 7 giorni
  • Soggiorno alle Canarie: 1.200,00 euro per volo + 7 giorni in resort all-inclusive
  • Pacchetto Pasqua a Parigi: 450,00 euro per 3 giorni volo + hotel
  • Pacchetto viaggio in bus per giovani: 350,00 euro per 4 giorni in una capitale Europea

Cosa fare a Pasqua in Italia

Le celebrazioni pasquali sono ben radicate nelle tradizioni del nostro Paese: lungo tutta la nostra penisola, infatti, non sarà difficile assistere a riti religiosi che coinvolgono le cittadine e i suoi abitanti. Spesso si impersonificano i personaggi religiosi e si ripercorrono le tappe cristiane tipiche della festività.

Firenze: lo scoppio del carro

E’ forse l’evento più scenografico e atteso tra le celebrazioni pasquali nel nostro Paese. Lo Scoppio del Carro di Firenze, avviene proprio davanti al Duomo e coinvolge tutta la città per un rito che ha anche un significato di buon augurio. Maggiori info nel nostro approfondimento sulla Pasqua a Firenze.

La Via Crucis a Roma

Far rivivere la Via Crucis di Cristo è una delle celebrazioni più praticate, ma non ci sono dubbi che a Pasqua a Roma ci sia “La” Via Crucis, celebrata dal Papa in centro, al Colosseo. Si tiene il venerdì ed è gratuita, ma a numero chiuso. Se non riuscite ad ottenere i biglietti, potete seguirla in diretta Tv.

La “Madonna che scappa” a Sulmona

Se il nome della manifestazione può far sorridere, sappiate che si tratta di un evento molto sentito e Sacro, che è al culmine della Settimana Santa abruzzese. Trovate più info nel nostro articolo sulla Pasqua a Sulmona.

Restrizioni di Pasqua per Covid-19 (in aggiornamento)

Nel 2020 (Pasqua del lockdown) e anche nel 2021 le restrizioni furono pesanti, in quanto nei giorni 3, 4 e 5 aprile 2021 tutta Italia era in “zona rossa”, quindi con spostamenti vietati se non per motivi di lavoro, salute o necessità.

Ad oggi, sappiamo che, non ci saranno particolari restrizioni per la Pasqua 2022, però soltanto per i possessori di “Super Green Pass”. Ricordiamo che il “Super Green Pass” si ottiene dopo aver completato il ciclo vaccinale o dopo guarigione (attenzione alle scadenze, che variano continuamente), quindi non con esito di tampone negativo, che fa ottenere un Green Pass “base”.

Pasqua 2022 e Covid-19: cosa si può fare in Italia

Con il Green Pass rafforzato, si può fare praticamente tutto, e le uniche limitazioni sono quelle date dalla capienza di determinati esercizi come cinema, teatri e discoteche che dovrebbero decadere a partire dal primo aprile. Saranno autorizzati anche i concerti.

E’ quindi possibile fare turismo, recarsi al ristorante e organizzare feste.

Cosa può fare a Pasqua chi non ha “Super Green Pass”

Le leggi attuali limitano fortemente le attività dei non possessori di Super Green Pass, in particolare per quanto riguarda il poter andare al ristorante o in hotel. Questo vale attualmente fino al 31 marzo 2022, ma pare che queste restrizioni rimarranno per un altro periodo. Vi terremo aggiornati in caso di cambiamenti della normativa vigente.

Vediamo le restrizioni per chi non ha il Super Green Pass. Gli spostamenti per turismo sono ammessi, non sui mezzi pubblici ma con auto propria: il problema è l’alloggio, che è vietato in ogni tipo di struttura, quindi bisogna rivolgersi ad appartamenti privati, camper e soluzioni simili.
Anche per il cibo bisogna organizzarsi in proprio, ma ci sono più possibilità: si può accedere a tutti i negozi di alimentari e di generi di prima necessità, ma non si può sedere al bar o al ristorante. Ok all’asporto.

Per quanto riguarda le cose che si possono fare: tutte quelle libere all’aria aperta, quindi il passeggio in città e nella natura, ma non si può accedere a musei e altre attrazioni turistiche. No agli impianti sciistici, ma si può camminare, andare in bici o ciaspolare. Negli edifici religiosi si può accedere liberamente in occasione delle funzioni.

Anche se le regole possono variare e concedere alcune libertà, per questa Pasqua sconsigliamo di viaggiare all’estero a chi non ha il Super Green Pass.

Pasqua 2022 e Covid-19: dove si può viaggiare all’estero

Quest’anno c’è ampia possibilità di spostarsi verso altri Paesi senza necessità di motivazione, ovvero per turismo. Sono stati eliminati gli elenchi dei Paesi e i famosi “corridoi turistici”: per la normativa italiana non ci sono più restrizioni ed è possibile raggiungere tutti i Paesi aperti al turismo.

Se l’Italia dà il via libera non significa, però, che questi Paesi non attuino restrizioni o limitazioni all’ingresso: per ogni Paese sarà, infatti, necessario documentarsi sul sito ufficiale della Farnesina, Viaggiare Sicuri in merito alla regolamentazione di ingresso e di rientro in Italia.

La normativa attuale potrebbe cambiare prima di Pasqua, ma prevede una lunga lista di Paesi ammessi al turismo, previa esibizione di Green Pass (anche base) e compilazione del PLF: Passenger Locator Form, un modulo con tutti i dati del viaggio. Sono inoltre previsti controlli a campione con tampone presso stazioni e aeroporti.

Data di Pasqua 2023: le cose da sapere

La Pasqua è una festa cristiana che celebra la resurrezione di Cristo, avvenuta dopo tre giorni dalla sua crocifissione. A differenza del Natale, che cade sempre il 25 dicembre, giorno della nascita di Gesù, la Pasqua non cade mai nella stessa data.

Tutti sappiamo perfettamente che la Pasqua viene di domenica, ma non tutti sanno come si calcola la data di quando “cade”. Fortunatamente negli ultimi anni ci danno una mano i calendari elettronici, ma fino a qualche tempo fa, come si faceva a prevedere la data esatta in cui festeggiare la Pasqua?

Per i Cristiani bastava assistere alla messa del 6 gennaio per scoprire la data esatta, visto che sarebbe stato proprio il sacerdote a renderla nota. Il calcolo in realtà è molto semplice, visto che segue il calendario lunare. Per sapere come si calcola, quando cade la Pasqua e altre informazioni utili per organizzare le vostre vacanze, abbiamo scritto questa piccola guida.

Quando cade Pasqua 2023?

Quest’anno la Pasqua cade il 9 aprile 2023 e il giorno dopo c’è l’altro santo giorno della Pasquetta, detto anche Lunedì dell’Angelo.

Come si calcola la data della Pasqua?

E’ una domanda che ci poniamo sempre, ma alla quale spesso siamo pigri nel rispondere: bene, ci pensiamo noi!
E allora: perché la Pasqua ha una data variabile di anno in anno? Come si calcola?

La sua variabilità dipende dal fatto che è legata al calendario lunare. La regola è: la prima domenica successiva al primo plenilunio di primavera (21 marzo – equinozio di primavera): per questo cade di domenica (sempre) e può cadere in un giorno compreso tra il 22 marzo ed il 25 aprile.
Una volta calcolato il ciclo lunare e il primo plenilunio di primavera, è possibile fissare la data esatta della Pasqua e delle successive celebrazioni cristiane come la Quaresima e la Pentecoste.

Se la data cade fino al 2 aprile, si dice che “cade bassa”, mentre dal 14 in poi “cade alta”; negli altri giorni si dice che è “media”.

Anticamente, invece, la Pasqua veniva celebrata una settimana dopo la Pasqua Ebraica, celebrata a sua volta 14 giorni dopo l’inizio dell’anno ebraico. Soltanto con il Concilio di Nicea, tenutosi nel 325 d.C., si è deciso di diversificare e scindere le due celebrazioni, in modo che ognuna seguisse la propria storia religiosa e il proprio calendario.

Pasqua Bassa o Alta?

In base alla data, ci troviamo spesso a parlare di Pasqua bassa, media e alta. Cosa significano queste tre accezioni, ma soprattutto con quali date coincidono?

  • La Pasqua cade “bassa” se è dal 22 marzo al 2 aprile
  • La Pasqua cade “media” se è dal 3 al 13 aprile
  • La Pasqua cade “alta” se è dal 14 al 25 aprile

Pasqua 2024 e Pasqua 2025

Se volete programmare per tempo le vacanze di Pasqua 2024 o addirittura 2025, sappiate che nel 2024 sarà la volta del 31 marzo, periodo un po’ più freschino e un po’ meno allettante rispetto a quando cade a ridosso delle feste nazionali, mentre nel 2025 sarà il 20 aprile.
L’anno più allettante per organizzare una lunghissima vacanza di Pasqua sarà proprio il 2025, anno in cui la festività cadrà il 20 aprile: sarà un attimo prolungare le vacanze con il 25 aprile ed il 1 maggio.

In linea di massima, gli anni prossimi promettono tutte date ottime per avere il meteo dalla propria parte ed organizzare una breve fuga dalla città. Ecco un piccolo specchietto per ricordare meglio le date:

  • Pasqua 2020: 12 aprile
  • Pasqua 2021: 4 aprile
  • Pasqua 2022: 17 aprile
  • Pasqua 2023: 9 aprile
  • Pasqua 2024: 31 marzo
  • Pasqua 2025: 20 aprile

Le celebrazioni di Pasqua 2023

Le celebrazioni Cristiane della Pasqua

Probabilmente non tutti sanno che la Pasqua è preceduta da un periodo di astinenza e digiuno che comincia con il Mercoledì delle Ceneri, giorno successivo alla fine dei festeggiamenti di Carnevale. Questo periodo è detto Quaresima e, tutti i cristiani praticanti, dovrebbero cercare di limitarsi il più possibile con il cibo e le eccedenze. Il punto di arrivo della Quaresima è la Settimana Santa che ha inizio con la Domenica delle Palme: tutti i giorni che seguono tale celebrazione, sono caratterizzati da feste, liturgie, processioni, tutte dedicate alla contemplazione.

In linea di massima nelle città più grandi dove la vita è sempre più frenetica, si sono perse queste forti tradizioni, mentre nelle cittadine più piccole e nei paesini, si trovano ancora appuntamenti che celebrano questo periodo di sacrificio.

Gli ultimi tre giorni della Settimana Santa sono i più importanti dal punto di vista liturgico, visto che durante il Giovedì Santo si consacrano gli oli che serviranno successivamente per le celebrazioni dei sacramenti, mentre il Venerdì Santo si celebra la morte di Gesù crocefisso ripercorrendo le tappe della Via Crucis. Infine il Sabato Santo non si celebra la messa, ma c’è l’appuntamento con la veglia pasquale che introduce la domenica di Pasqua.

Pasqua festività
Coniglietti e uova colorate per decorare la casa e festeggiare la Pasqua!

La Pasqua nelle altre religioni

Una piccola nota sulle altre religioni che celebrano la Pasqua. La Pasqua ebraica viene celebrata 14 giorni dopo l’inizio del calendario religioso, quindi può cadere tra il 4 aprile e il 2 maggio.

Per quanto riguarda la chiesa ortodossa, la Pasqua può cadere tra il 4 aprile e l’8 maggio in quanto viene utilizzato il calendario giuliano, al contrario della chiesa cattolica protestante che utilizza il calendario gregoriano. Proprio per questo motivo, la Pasqua cattolica/protestante può cadere in un intervallo di date che vanno dal 22 marzo al 25 aprile.

Quand’è la Pasqua Ortodossa 2023

Brevissima parentesi per la data del 16 aprile 2023: la Pasqua Ortodossa non cade nello stesso giorno di quella Cristiana, in quanto viene utilizzato un calendario diverso dal nostro Gregoriano, quello Giuliano.

I simboli della Pasqua

Attualmente la Pasqua è diventata un’appuntamento dedito al consumismo, più che altro per quanto riguarda le uova pasquali che, ovviamente, hanno un significato che non tutti sanno. Prima dell’avvento delle uova di cioccolato con la sorpresa, venivano regalate uova vere e proprie, molto colorate e decorate, ma soprattutto benedette durante la messa pasquale: questo gesto significava rinascita e buon auspicio, visto che dall’uovo può rinascere una vita. Adesso difficilmente si regalano uova vere: ormai le uova di cioccolato fanno felici tutti i bambini e chi le riceve.

Le uova di cioccolato sono un po’ come i doni di Babbo Natale, ma in questo caso, a portarli ai bambini felici, ci pensa il coniglietto pasquale. La figura del coniglio non appartiene alla nostra cultura, bensì a quella del Nord Europa e degli Stati Uniti. Ben presto e senza grandi difficoltà, la simpatica figura del coniglio è diventata famosa anche in Italia, tanto che spesso accompagna le uova di cioccolato.

Sempre per quanto riguarda le tradizioni gastronomiche pasquali, non possiamo non ricordare la colomba, tipico dolce pasquale, nato agli inizi del 1900. In Italia se ne conoscono due versioni, quella nata in Lombardia, sull’ispirazione della ricetta del panettone e quella siciliana, creata con zucchero, farina e cannella.

Altre festività e ponti del 2022

  • sabato 1 gennaio 2022 – Capodanno
  • giovedì 6 gennaio – Epifania – Possibilità di PONTE!
  • domenica 29 febbraio – non ci sarà: il 2022 non sarà bisestile!
  • domenica 17 aprile – Pasqua
  • lunedì 18 aprile – Pasquetta (lunedì dell’Angelo)
  • lunedì 25 aprile – Festa della Liberazione – Possibilità di PONTE!
  • domenica 1 maggio – Festa dei lavoratori – Festa “bruciata”
  • giovedì 2 giugno – Festa della Repubblica – Possibilità di PONTE!
  • lunedì 15 agosto – Ferragosto – Possibilità di PONTE!
  • martedì 1 novembre – Ognissanti – Possibilità di PONTE!
  • giovedì 8 dicembre – Immacolata – Possibilità di PONTE!
  • domenica 25 dicembre – domenica 26 dicembre – Natale e Santo Stefano
  • sabato 31 dicembre – San Silvestro – (festivo parziale)
  • domenica 1 gennaio 2023 – Capodanno

A proposito di feste “bruciate”, una curiosità: da noi non si recuperano, mentre nel mondo anglosassone è usanza spostare la data del giorno festivo, se cade di sabato o domenica. Buon per loro!

Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.