Home » Pasqua 2017 » Pasqua nelle Capitali e Città Europee » Pasqua a Parigi: eventi e cose da fare

Pasqua a Parigi: eventi e cose da fare

Pasqua a Parigi
Pasqua a Parigi: impazza la caccia alle uova di cioccolata nei parchi!



Uno dei periodi migliori per visitare Parigi è sicuramente quello della Pasqua. Le giornate cominciano ad allungarsi, quindi c’è la possibilità di stare fuori fino a tardi anche grazie alle temperature più miti oltre al fatto che di solito in questo periodo le piogge sono scarse: tutte questi dettagli rendono molto piacevole la visita della capitale Francese in questo momento.
Ovviamente non sarete i soli ad aver avuto quest’idea, per cui è bene prenotare con largo anticipo voli ed hotel, per evitare prezzi da altissima stagione. Scusate se il suggerimento può sembrare ovvio e ripetitivo, ma in questo caso vale in modo particolare!

Pasqua, ovvero primavera, significa riscoprire il verde e la vita all’aria aperta: da questo punto di vista, Parigi è fantastica in quanto offre molti parchi cittadini, facilmente raggiungibili con i mezzi pubblici e assolutamente godibili per scampagnate e per entrare in sintonia con la vera vita Parigina, che in queste occasioni è molto rilassata e piacevole.

Da questo punto di vista, riteniamo che Pasqua sia ideale per una “seconda” visita, senza quella frenesia di vedere quanti più possibili monumenti e musei, tipica della “prima volta” a Parigi. A proposito delle attrazioni, vediamo cosa troverete aperto e chiuso in questo periodo. Successivamente ci dedicheremo agli eventi dedicati esclusivamente alla Pasqua.

Pasqua a Parigi: le attrazioni aperte

Tutti i principali musei ed attrazioni sono aperti sia la domenica di Pasqua che il lunedì di Pasquetta. Fanno eccezione alcuni musei civici, chiusi sempre nei giorni festivi, ma in genere si tratta di posti poco frequentati dai turisti: tra questi il Petit Palais ed il Carnavalet. In linea di massima basti sapere che tutti i musei meno conosciuti che rientrano sotto il nome di Paris Musées sono chiusi durante le festività cittadine e tutti i lunedì (Pasquetta compresa). A differenza degli anni passati fanno eccezione le Catacombe, aperte durante il periodo di Pasqua.

Pasqua a Parigi
Pasqua a Parigi: impazza la caccia alle uova di cioccolata nei parchi!

In generale, comunque, possiamo affermare che le maggiori attrazioni Parigine chiudono soltanto a Natale, il 1 gennaio, il 1 maggio e per la festa nazionale del 14 luglio. Largo quindi a tutti i vostri programmi senza limiti, semmai ricordatevi che tutti i martedì sono chiusi alcuni musei quali il Louvre ed il Centre Pompidou.

Ovviamente aperti anche la Torre Eiffel e tutti i parchi cittadini. Fate attenzione invece alla reggia di Versailles: dato che effettua il giorno settimanale di chiusura al lunedì, purtroppo non sarà aperta per Pasquetta ed è un vero peccato, in quanto i suoi enormi e maestosi giardini sarebbero l’ideale per la tradizionale scampagnata! Se pensate di recarvi a Versailles proprio il giorno di Pasqua, cercate di organizzarvi e prenotare la vostra visita con un certo anticipo cercando di essere sul posto il prima possibile: come ogni anno sono attese migliaia di persone, soprattutto per quanto riguarda la visita del palazzo.
Dato che gli orari ed i giorni di apertura potrebbero variare, se intendete visitare qualcosa di particolare, consultate prima il sito ufficiale. Per consigli e itinerari di visita delle principali attrazioni, vi rimandiamo invece agli articoli specifici della nostra Guida di Parigi.

Dicevamo dei parchi. In questo articolo trovate una descrizione dei principali parchi cittadini. Se volete dedicare una buona mezza giornata in un ambiente boscoso ma ben fruibile, magari proprio il lunedì di Pasquetta, noi vi suggeriamo il Bois de Boulogne. Se volete vedere degli animali, dirigetevi invece dalla parte opposta, al Bois de Vincennes dove ha sede lo zoo. Se invece avete bambini e volete dare la precedenza a qualche attrazione divertente ed istruttiva, il Parc de la Villette, a nord, sarà la meta ideale. Per una ambientazione più romantica e cittadina, vi suggeriamo invece una lunga passeggiata lungo il Canal St.Martin. Qualunque sarà la vostra scelta, il verde e qualche panchina dove gustare una baguette ben imbottita non mancheranno!

Le prelibatezze da non lasciarsi sfuggire

Per quanto riguarda la gastronomia, il periodo di Pasqua qui è un vero trionfo di cioccolata. Le molte pasticcerie e negozi specializzati in cioccolato, che già deliziano turisti e Parigini durante tutto l’anno, a Pasqua propongono uova e animaletti di cioccolato con decorazioni incredibili, bellissimi da vedere ancor prima di assaggiarli. Tra le cioccolaterie più note, vi segnaliamo quella del famoso chef Alain Ducasse in Rue de la Roquette (zona torre Eiffel) e Jacques Genin, nel tipico quartiere ebraico del Marais. Per gli appassionati di cioccolato saranno tappe imperdibili.

Nella cioccolateria di Alain Ducasse c’è anche la possibilità di assistere ad una panoramica generale della lavorazione, mentre al Museo del Cioccolato, situato nel boulevard de Bonne Nouvelle, potrete ripercorrere tutte le tappe del cacao e del cioccolato, partendo dalla storia millenaria degli antichi Maya.

Se la lavorazione e tutto ciò che vi gravita intorno non vi interessa, ma volete soltanto assaggiarlo, vi consigliamo la cioccolateria di Angelina, in rue Rivoli, la Ladurée Royale, in rue Royal e la tradizionale A la Mère de Famille, situata in rue du Faubourg Montmartre.

Eventi di Pasqua

Per bambini, ma anche per i grandi

Tra gli eventi di questo periodo, non possiamo non iniziare dalla famosa caccia alle uova. Si tratta di un gioco che a Parigi è diventato una vera moda, divertente per i bambini… ma anche per i grandi! Le cacce hanno luogo nei principali parchi cittadini, dal Champ de Mars (la più nota), alle Tuileries, ma ne troverete anche organizzate da hotel e da piccole associazioni di quartiere. In genere si tengono nel primo pomeriggio della domenica ed il costo di partecipazione è modesto, pochi euro.

Il momento di massimo divertimento è proprio quello del weekend di Pasqua: laboratori creativi dove i bambini potranno improvvisarsi dei piccoli cuochi mentre i grandi avranno a disposizione chili di cioccolato per degustazioni praticamente illimitate, cacce al tesoro, mostre, brunch organizzati per il divertimento di tutta la famiglia. Tutto è pensato per coinvolgere, divertire e per rendere indimenticabili queste giornate. Vediamo in dettaglio gli appuntamenti di quest’anno.

L’appuntamento che ormai si ripete da anni è proprio quello in Champ de Mars: dalle ore 10:00 del mattino fino alle 17:00 pomeridiane verranno allestiti laboratori di trucco, danza, magia e ci sarà la possibilità di acquistare la licenza di caccia per andare ad impossessarsi di una delle 20.000 uova messe a disposizione per questa particolare caccia all’uovo pasquale. Sappiate che tutti i ricavati della giornata verranno devoluti in beneficenza.

Per chi decide di spostarsi leggermente fuori città per visitare Disneyland Paris, potrà dedicare un momento alla caccia alle uova organizzato al Disney Village, adiacente al parco. L’appuntamento è fissato dalle 16:00 in poi, l’ingresso e la partecipazione sono gratuiti e la manifestazione è dedicata in particolar modo ai bambini dai 3 ai 10 anni.

Se cercate qualcosa di più realistico e meno commerciale potrete scegliere il festival Gally Farms che si svolge leggermente fuori Parigi, in direzione Versailles: si tratta di due fattorie che permetteranno ai bambini e ai loro genitori di trascorrere qualche ora all’aria aperta tra anatroccoli, papere, mucche e pecore. Pensate che ci sarà la possibilità di tosare le pecore, dedicarsi alla decorazione delle uova e partecipare all’immancabile caccia all’uovo.

Eventi religiosi

Da non perdere ovviamente gli eventi religiosi: si comincia con la via crucis del Venerdì Santo, organizzata sia nella Basilica del Sacro Cuore, sia a Notre Dame ed in molte altre chiese parigine. A Notre Dame e nella Basilica la via crucis comincia alle 12:30 per terminare con la benedizione dell’arcivescovo intorno alle 18:00 del pomeriggio. Particolarmente suggestiva è la veglia del sabato a Notre Dame, dalle 21:00. Se non riuscite ad entrare, riprovate la mattina di Pasqua, per la grande messa delle 11:30. In Basilica la messa pasquale è invece fissata per le 11:00.

Gli appassionati di musica troveranno un cartellone molto fitto di appuntamenti, soprattutto per quanto riguarda la musica classica e la musica religiosa con i tipici canti Gregoriani. Il connubio tra musica e religione è molto forte e potrete assistere a concerti non solo nella sale e nei teatri, ma anche in tutte le principali chiese. Per qualcosa di davvero speciale, cercate di entrare al gran concerto all’interno della Sainte Chapelle, una location gotica tra le più belle che possiate immaginare.

Il Pranzo Pasquale

Come da tradizione, anche a Parigi c’è la possibilità di prenotare un tavolo per il pranzo di Pasqua: numerosi grandi hotel organizzano brunch pasquali che possono variare da ricchi buffet fino a pranzi veri e propri. Trattandosi di hotel rinomati, il prezzo non è molto economico, ma per il giorno di Pasqua tutto ci può stare. Vi diamo alcuni suggerimenti al riguardo:  all’Hotel Le Maurice, il pranzo di Pasqua costa 150,00 € a persona con le bevande incluse, al Peninsula Hotel costa 120,00 €, mentre al modaiolo Buddha Bar ci si tiene largamente sotto le 100,00 €.


2017-03-21

2 commenti

VUOI UN CONSIGLIO PER IL TUO VIAGGIO? SCRIVI UN COMMENTO: VAI IN FONDO ALLA PAGINA, O REPLICA AI TUOI MESSAGGI PRECEDENTI
  1. Amela Hukara

    Ciao, mi serve di nuovo il vostro aiuto. Mercoledi dovrei arrivare a Parigi con la mia famiglia. Ora sono in difficoltà nel preparare la valigia. Che pesantezza dei vestiti dovrei portare? Non vorrei caricarmi con giubbotti invernali ma nemmeno far sentire il freddo. Scusatemi se la domanda è banale ma dove vivo io siamo passati già a maniche corte e lì non credo che sia ora. Grazie mille

    • Marco (staff)

      Per fortuna a Pasqua a Parigi non dovrebbe piovere, ma farà comunque più freddo che da noi: occorre una giacca da mezza stagione, una felpa e comunque vestirsi “a cipolla” perché c’è molta differenza di temperatura tra il giorno e la sera.

Scrivi il tuo messaggio

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)