Pasqua alle Terme: le destinazioni più economiche

Terme a Pasqua: le offerte
Terme a Pasqua: non mancano le offerte e le zone gratuite, come le cascate di Saturnia

La piacevole abitudine di rilassarsi alle terme l’abbiamo ereditata dagli antichi Romani che avevano già scoperto gli effetti benefici di alcune acque e ne avevano sfruttato le proprietà grazie alla costruzione di centri termali che, diciamolo, non avevano nulla da invidiare a quelli moderni.

Oggi la scelta di trascorrere del tempo presso le terme è legata ad una maggiore attenzione nei confronti del proprio benessere fisico e mentale ed alla cura del corpo intesa non solo come prevenzione di patologie, ma anche per fini prettamente estetici. E allora perché non cogliere al volo l’occasione della Pasqua per una remise in forme di corpo e mente? Vediamo tutte le migliori destinazioni dove rilassarsi spendendo il giusto.

Perché trascorrere la Pasqua alle terme?

La nostra vita è diventata così frenetica e caotica che ogni tanto diventa necessario staccare la spina dai soliti ritmi, allontanarsi dalle città e trascorrere qualche giorno in assoluto relax.

Se a tutto questo aggiungiamo il fatto che di solito la Pasqua, anticipando la bella stagione e l’estate, invita le persone a muoversi verso zone di villeggiatura, il binomio Pasqua e Terme è completo. Del resto la scelta non manca visto che il nostro Paese è ricco di centri termali ed hotel con Spa moderne ed attrezzate con le ultime novità del campo.

Da nord a sud ci sono sorgenti per ogni tipo di patologia o cura estetica, grazie anche alla particolare struttura geologica e morfologica dell’Italia che, nel corso dei millenni, ha favorito lo sviluppo di vaste zone termali.

Le persone che preferiscono andare all’estero, però, potranno scegliere ugualmente fra una serie di proposte interessanti anche non troppo lontano dall’Italia. Le vacanze di Pasqua, dunque, possono rappresentare una buona occasione per trascorrere qualche giorno in un centro termale, ma proprio in questo periodo, molti decidono di muoversi da casa e, quindi, per approfittare delle migliori offerte sarebbe opportuno scegliere e prenotare per tempo.

Ci chiediamo dunque se sia possibile trascorrere una vacanza pasquale “low cost” presso le terme. La risposta è abbastanza confortante: nonostante questo tipo di soggiorno sia stato sempre associato a soggiorni di lusso, in realtà ci sono molte possibilità per divertirsi, rilassarsi, star bene e spendere poco anche nel periodo di alta stagione Pasquale. Di seguito andremo a vedere alcune di queste opportunità, così da potersi orientare.

Terme a Pasqua: le offerte
Terme a Pasqua: non mancano le offerte e le zone gratuite, come le cascate di Saturnia

Terme low cost in Toscana

Rientriamo nei confini Italiani. Da noi terme e centri benessere stanno acquisendo sempre più una connotazione lussuosa e costosa: anche i centri più datati si stanno rinnovando e… adeguando i prezzi di conseguenza.

Anche nella nostra penisola ci sono, ancora, alcune opportunità per spendere poco e, certe volte, addirittura sottoporsi a bagni rilassanti e benefici del tutto gratis. La prima cosa da fare è scegliere il luogo in base ai propri gusti. Mare, monti o campagna? Alcune terme, infatti, sono gelosamente custodite dalle nostre montagne, altre si affacciano sul mare.

La regione, comunque, dove c’è la maggior concentrazione di terme ad uso gratuito è la Toscana. Scopriamo insieme dove andare a cercarle.

Bagno Vignoni (Siena)

Bagno Vignoni è un caratteristico borgo in provincia di Siena le cui acque solfuree sono incanalate in una piscina termale poco fuori del centro abitato, lungo il fiume Orcia. Qui ci si può bagnare tranquillamente e le proprietà delle acque termali sono particolarmente indicate per tutte le patologie della pelle.

Pasqua alle terme
Il bellissimo borgo di Bagno Vignoni immerso nella campagna senese

Terme di Petriolo (Siena)

Un’altra serie di vasche con acqua solfurea si trova a Petriolo. In questa località, oltre allo stabilimento termale dove si possono fare massaggi e fango-terapie, vi sono infatti delle zone libere dove l’acqua sgorga a 40° ed è indicata per curare problemi del sistema respiratorio. Per chi volesse attivare la circolazione, potrà passare dalle acque gelate del fiume Farma, alle pozze calde dell’acqua termale.

San Casciano (Siena)

A San Casciano, sempre in provincia di Siena, ci si può rilassare in piscine di acqua termale a 41°, completamente circondate da boschi. Le vasche gratuite sono piccole e probabilmente saranno molto affollate.

Terme di Saturnia (Grosseto)

Fra le altre località termali della Toscana, dove è possibile godere dei benefici in modo gratuito, vale la pena menzionare anche le Cascate del Gorello, vicino Grosseto, ma le più famose sono senza dubbio le Terme di Saturnia.

Proprio di fronte al famoso e lussuoso insediamento termale, c’è infatti la zona delle Cascate del Mulino, una serie di piscine e cascate naturali immerse nel verde, del tutto libere e suggestive nonostante l’affollamento.

Bagni San Filippo (Siena)

Nel cuore della campagna senese si trovano i Bagni di San Filippo: dovrete fare un tratto nel bosco di Castiglione d’Orcia, fino a che non troverete la “cascata immobile” di calcare da dove sgorga l’acqua termale.

Tutti questi luoghi sono facilmente raggiungibili da diverse parti d’Italia tramite autostrade ed è possibile soggiornarvi anche a prezzi contenuti, grazie alla presenza di numerosi agriturismi. Non bisogna sottovalutare, poi, l’aspetto gastronomico, visto che la Toscana è nota in tutto il mondo per le sue specialità ed i suoi vini, e in queste zone di campagna, cibo e vino sono al top!

Terme nel Nord e Centro Italia

Bormio (Sondrio)

A Bormio, ad esempio, esiste una vasca termale naturale dove potersi fare il bagno gratuitamente, è conosciuta come “la Pozza di Leonardo”. In alternativa si possono trascorrere piacevoli giornate presso il locale stabilimento termale dei Bagni Nuovi o quello, più suggestivo in costa del monte, dei Bagni Vecchi. Essendo alla fine la stagione sciistica, sarà possibile beneficiare di buone offerte.

Porretta Terme (Bologna)

In zona Appenninica, non possiamo non citare Porretta Terme. Sperduta e amena cittadina, è una vera chicca per chi cerca tranquillità ed un centro benessere dalla tradizione antichissima. A prezzi sempre molto ragionevoli.

Piscine Carletti (Viterbo)

Muovendoci verso sud troviamo, vicino Viterbo, le Piscine Carletti dove l’acqua che sgorga dalle colline arriva a temperature molto alte nelle vasche termali.

Bullicame (Viterbo)

Suggestive anche se molto affollate sono le acque termali del Bullicame, che si trovano sempre in provincia di Viterbo. Non vi sconvolgete del fatto che si trovano a due passi dalla strada: le piscine del Bullicame sono davvero naturali: purtroppo però sono frequentate da talmente tante persone incivili che spesso, tutto intorno, c’è tanta sporcizia lasciata da chi le frequenta.

Terme libere nel Sud Italia

Ischia (Napoli)

Ad Ischia, come è noto, si trovano moltissimi centri termali grazie alla presenza di tante sorgenti di natura vulcanica. La maggior parte di essi, bisogna sottolineare, non sono proprio economici, soprattutto a Pasqua (stagione altissima). Anche in questo caso c’è la possibilità di usufruire dei benefici in modo gratuito, basta andare in località Sorgeto o presso le Fumarole.

Nel primo caso le acque termali escono dal fondo del mare a circa 90° miscelandosi, quindi, con quelle marine ed aumentandone gli effetti curativi e rilassanti. Lo Fumarole, invece, sono emissioni di vapore lungo alcune spiagge di Ischia, dovute alle emissioni vulcaniche. Ne deriva un riscaldamento della sabbia che apporta notevoli effetti positivi anche se bisogna stare attenti alle temperature talvolta troppo elevate.

Grotta delle Ninfe (Cosenza)

A Cosenza si trova la Grotta delle Ninfe, una piccola sorgente termale che si trova nei boschi ed è molto suggestiva.

Terme di Caronte (Lamezia Terme)

Le Terme di Caronte sono a Lamezia Terme e si trovano anche in questo caso accanto allo stabilimento termale a pagamento. Si tratta di una piscina naturale situata ai piedi di una collina e sempre molto frequentata.

Terme di Segesta (Trapani)

Spostandoci a Trapani, si trovano le Terme di Segesta, dove l’acqua sgorga ad una temperatura di quasi 50°! Rimarrete incantati anche dal paesaggio circostante.

Terme all’estero: dove andare?

I patiti dei viaggi fuori del confine italiano che vogliono regalarsi un soggiorno presso le terme possono stare tranquilli, dal momento che ci sono varie opportunità per conoscere nuovi luoghi e spendere poco.

Slovenia

La prima, fra queste, è la Slovenia. Questo piccolo Stato confinante con il Friuli Venezia Giulia possiede, infatti, circa 15 centri termali che propongono trattamenti di ogni tipo. Negli ultimi anni, poi, in Slovenia si sono sviluppate una serie di strutture ed hotel appositamente pensate per questa tipologia di turismo.

Il vantaggio è rappresentato dai costi piuttosto bassi. Non solo, infatti, vengono proposti dagli hotel pacchetti all-inclusive a prezzi accessibili, ma gli ingressi alle terme sono davvero fra i più economici d’Europa sia per ciò che riguarda l’uso di strutture come piscine o saune, sia per i trattamenti estetici e curativi. In questo modo, quindi, chi vuole ridurre al minimo le spese potrebbe scegliere una sistemazione economica, come un appartamento o un B&B, ed usufruire dei centri termali.

Capodistria, Izola, Bovec o Portorose sono solo alcune delle località termali della Slovenia, facili da raggiungere perché poco lontane dall’Italia. Non bisogna tralasciare, poi, un altro aspetto. Questi territori sono ricchi di storia e di luoghi naturali incontaminati tutti da scoprire tra un trattamento benessere ed un altro.

Soggiornando qui, inoltre, vale la pena assaggiare i piatti tipici, come la salsiccia carniolana, le potice, le zuppe o i famosi piatti vegetariani, adatti per restare in forma.

Ungheria

Restando in tema di terme low cost, un altro suggerimento, per chi vuole andare all’estero e spendere poco, è rappresentato da Budapest. Si tratta di una città termale conosciuta già dagli antichi Romani e caratterizzata da quasi 100 sorgenti di acqua calda.

Le Terme di Szechenyi, quelle sull’Isola Margherita ed i Bagni Rudas sono le più rappresentative. Budapest si può raggiungere con voli in partenza dalle principali città italiane, a prezzi contenuti ed anche la vasta offerta ricettiva permette di risparmiare sul pernottamento.

Il lato negativo, in questo caso, è rappresentato dal fatto che si tratta di una città molto visitata, soprattutto a Pasqua e, quindi, sarebbe opportuno scegliere in tempo l’hotel per assicurarsi l’offerta migliore. Naturalmente nella vostra vacanza non potranno mancare un buon piatto di gulasch, una visita al Parlamento ed una crociera sul Danubio.

Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.