Caccia alle uova di Pasqua: come organizzarla e dove

Caccia alle uova di Pasqua, bambini
Una bambina che partecipa alla caccia alle uova di Pasqua

La Pasqua non è solo una festa religiosa, ma anche un momento di condivisione e di festa in famiglia. Da qualche anno a questa parte un modo per coinvolgere grandi e piccini è certamente la caccia alle uova di Pasqua, una sorta di caccia al tesoro, ma in versione pasquale.

Ma come si organizza? E come si fa a coinvolgere i piccoli in questo gioco? Vediamo tutto quello che c’è da sapere, i trucchetti giusti per divertirsi e il kit per essere certi che non manchi proprio nulla per scovare in qualche luogo, l’Easter Bunny, il coniglietto dolce e pieno di sorprese, ha nascosto le uova.

Caccia alle uova di Pasqua: cos’è?

Tradizionalmente nata in Germania, la caccia alle uova di Pasqua si è diffusa anche nei Paesi anglosassoni alla fine del 1700. La tradizione vuole che il coniglietto pasquale, ovvero l’Easter Bunny nasconda in qua e in là le uova di cioccolato in modo che i piccoli corrano a cercarli.

La parte divertente di questa usanza di Pasqua è proprio la caccia al tesoro che ne segue: ci sono molte versioni del gioco, ma in linea di massima i concorrenti cercheranno di trovare quante più uova sode colorate e le custodirà nel panierino pasquale fino a fine del gioco. Chi ne avrà trovate di più avrà vinto il grandissimo tesoro fatto di uova di cioccolato.

Caccia alle uova di Pasqua, bambini
Una bambina che partecipa alla caccia alle uova di Pasqua

Caccia alle uova di Pasqua: come si organizza

La particolarità di questo gioco è il fatto che si possa organizzare sia dentro casa che fuori, per chi ha un giardino. Oppure è anche possibile organizzarla in un parco pubblico, circoscrivendo la zona delle ricerche. Basta che grandi e piccini siano coinvolti, in modo che il gioco sia ancora più divertente.

Se non sapete come si organizza, ecco passo dopo passo i consigli giusti per organizzare una caccia alle uova indimenticabile e unica.

1- Preparare le uova

La prima cosa da fare è quella di preparare delle uova sode e decorarle, oppure acquistare delle piccole uova di zucchero, ovviamente colorate, in modo da poterle disseminare per casa o fuori, a seconda di dove organizzerete la caccia alle uova.

Le uova sode andrebbero colorate con coloranti naturali che potrete ricavare dalla frutta o dalle verdure. Nel caso in cui non vogliate ammattire, potrete sempre acquistare pennarelli con colori naturali. Se volete delle uova di piccole dimensioni, in modo da nasconderle meglio, utilizzate le uova di quaglia che potete trovare comodamente al supermercato.

Un piccolo consiglio: nel caso in cui la Pasqua cada alta e quindi le temperature siano già abbastanza alte, vi consigliamo di utilizzare le uova sode, in modo che non vengano intaccate dal caldo. A maggior ragione se pensate di organizzarla fuori.

2- Nascondere le uova

A questo punto le uova vanno nascoste: che sia in casa o fuori cercate posti impensabili e non banali. I bambini riescono a scovare tutto, quindi fate il modo che il gioco non sia banale e cercate posti originali. Così si divertiranno certo di più.

Ovviamente non dovrete tralasciare il fatto che i nascondigli devono essere adeguati anche all’età dei bambini: un bambino di 2 – 3 anni, non sarà certo così scaltro come un bambino di 8 – 10 anni. Vediamo qualche suggerimento in base all’età del bambino.

  • Caccia alle uova per i bambini dai 18 ai 36 mesi: i piccoli di questa età non sanno leggere, quindi i bigliettini sparsi per casa o in giardino servono a poco. Coinvolgeteli con nastri colorati che dovranno seguire al posto delle mappe, oppure giocate con fotografie di parti di oggetti o di animali che possono corrispondere ai luoghi dove trovare le uova. Meglio usare le uova sode al posto di quelle al cioccolato, così eviteranno di mangiare subito o di sporcarsi. Quante uova usare? Dalle 3 alle 5 uova: i piccoli si annoiano subito e una caccia troppo lunga potrebbe non portare i propri frutti.
  • Caccia alle uova per i bambini dai 3 ai 7 anni: se avete bambini o anche amichetti di età diverse potrete farli giocare insieme, creando degli indizi facili, dei disegni della casa che somigliano alla mappa da seguire e anche degli indizi che dovranno leggere. Ovviamente frasi facili, indovinelli banali che potranno risolvere pensandoci pochi secondi. Anche in questo caso le uova sode sono consigliate rispetto a quelle di cioccolato. Per farli divertire di più e per far vedere quante uova stanno accumulando, dotateli di piccoli cestini.
  • Caccia alle uova per i bambini dagli 8 agli 11 anni: questa fascia d’età è quella che vi darà certamente più soddisfazione perché saprà risolvere anche gli enigmi più difficili. Cercate, quindi, nascondigli divertenti e non banali. Potrete nascondere anche le uova di cioccolato, ma facendole sempre sistemare in un panierino di vimini, in modo che i diversi concorrenti possano contare quanti ne hanno trovate e quanto sono vicini al premio finale.
  • Caccia alle uova per ragazzi e adulti: certo, potrete organizzare la caccia alle uova anche per i ragazzi e gli adulti. Gli indizi dovranno essere adeguati all’età: perché non far risolvere qualche enigma preso dalla Settimana Enigmistica, nella pagine de La Sfinge?

3- Preparare gli indizi

Bene, adesso che avete nascosto le uova, tirate fuori tutta la fantasia che avete per creare gli indizi giusti: non devono essere impossibili da risolvere, ma neanche facili! Altrimenti che divertimento c’è? Potete utilizzare i bigliettini che trovate nella foto qui sotto per scrivere i vostri indizi e anche per creare una fantastica mappa.

Caccia alle Uova di Pasqua, bigliettini
Scrivete gli indizi all’interno del bigliettino e buon divertimento

Per quanto riguarda i cestini potrete creare dei piccoli cilindri con la carta, ma questa tattica è sconsigliata per i più piccoli e nel caso in cui abbiate utilizzato uova sode di gallina che non ci entrerebbero troppo facilmente.

I bigliettini degli indizi andranno sistemati con le uova: in questo modo, a mano a mano, per ogni uovo trovato, sarà possibile passare a quelle successive. Il primo indizio, quello che darà l’avvio al gioco, lo dovrete dare voi ai concorrenti, in modo che sappiano da dove partire per la fantastica ricerca. Quando tutto è pronto potrete spiegare le regole del gioco a tutti i partecipanti.

4- Inizia il gioco

A questo punto siete pronti per iniziare il gioco: gli indizi sono nascosti insieme alle uova, i partecipanti conoscono le regole e hanno il proprio cestino per raccogliere più uova possibili. Chi vince, quindi? Nel caso in cui ci siano più squadre vincerà la squadra che ha trovato più uova, mentre se c’è un solo concorrente, potrete nascondere, oltre alle uova sode colorate con gli indizi, anche il premio finale, da scovare dopo l’ultimo indizio.

Cos’è il premio finale? Ovviamente un grande uovo di Pasqua di cioccolato.

Caccia alle uova: dove organizzarla?

A casa o in giardino

Se siete dotati di un giardino, il consiglio è quello di organizzarla fuori: avrete più spazi dove nascondere le uova e i bambini saranno più liberi di giocare e correre. Altrimenti se non vorrete incappare in problemi dovuti al tempo o non avete un giardino, sfruttate tutti gli anfratti della casa.

Quali? Sotto il materasso, dentro al frigorifero, nel cesto dei panni sporchi, dentro la lavatrice, sotto ai cuscini del divano, dietro la tv e ancora in tantissimi altri posti.

EasterEggs Hunt nel mondo nel 2022

Se avrete l’opportunità di trascorrere la Pasqua 2022 all’estero, allora non tralasciate l’idea di partecipare a qualche caccia alle uova organizzata in grande. Qualche idea? Nel caso in cui rimaniate in Italia potrete partecipare alla caccia organizzata al Parco Giardino Sigurtà in provincia di Verona, oppure quella del castello di Rivalta, sempre molto coinvolgente e divertente.

All’estero, invece, è molto divertente quella organizzata a Londra, ormai un must che si ripete anno dopo anno e quella di Berlino. E allora buona caccia!

Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.