Home » Pasqua 2018 » Pasqua al Mare al caldo » Pasqua a Creta: un viaggio nelle tradizioni

Pasqua a Creta: un viaggio nelle tradizioni

Viaggio di Pasqua a Creta
Pasqua nel Sud di Creta: il paesino di pescatori di Loutro, culla delle tradizioni Pasquali dell'isola



Creta è l’isola più grande della Grecia, situata nel cuore del Mar Egeo e posta all’estremo sud della nazione e dell’Europa stessa. L’isola è una varietà di paesaggi diversi plasmati dalle catene montuose che nella zona sud formano gole profonde e nella zona nord degradano trasformandosi in dolci colline e verdi pianure.
Oltre al variegato paesaggio ci sono diversi motivi che fanno di Creta un luogo da visitare e da vivere in qualsiasi periodo dell’anno: le spiagge e l’acqua cristallina, le tradizioni e la storia millenaria che emergono dai siti archeologici, l’ottimo rapporto qualità/prezzo delle strutture ricettive, la natura intatta della parte meridionale ed il clima mite e piacevole con inverni brevi, eterne primavere ed estati calde. Ecco perché Creta col suo fascino ellenico e decadente può diventare la meta ideale per una fuga di Pasqua.

L’aeroporto principale è quello di Heraklion, situato nella parte centrale dell’isola, mentre l’altro aeroporto dove atterrano Ryanair ed altri voli low-cost è quello più piccolo di Chania, situato nella zona nord occidentale di Creta. Vi suggeriamo di prendere in considerazione l’aeroporto di Chania se avete intenzione di soggiornare in questa parte dell’isola, visto che per spostarsi da Heraklion alla zona occidentale occorrono circa due ore e mezzo di auto. L’unica pecca che evidenziamo per raggiungere l’isola è che i voli low cost che la collegano con i maggiori aeroporti italiani sono in funzione soltanto per il periodo estivo, quindi per recarvi a Creta dovrete utilizzare i voli di linea oppure un low cost da Atene.

Le strade a Creta sono strette e mal tenute, inoltre non è facile districarsi nelle innumerevoli deviazioni prima di arrivare in qualsiasi destinazione. Stessa cosa vale per la superstrada principale: non si tratta di una vera e propria autostrada perché quando la percorrerete vi renderete conto di imbattervi in incroci che spuntano dal nulla e in più dovrete stare attenti ai greci che guidano continuamente nella corsia di emergenza. Potremmo definire la situazione stradale di Creta “pittoresca”, noi comunque vi consigliamo di noleggiare un’auto al vostro arrivo all’aeroporto, perché altrimenti non avrete quella libertà che invece è indispensabile in una destinazione di questo tipo, specie se in bassa stagione. Se volete risparmiare qualcosa sul prezzo, vi suggeriamo di contattare le agenzie di noleggio locali: risparmierete tempo e soldi e le macchine a disposizione sono sempre basiche ma ben tenute.
Al posto dell’auto non consigliamo di optare per lo scooter, date le distanze notevoli dell’isola, inoltre durante il periodo pasquale potreste anche imbattervi in un acquazzone.
E’ comunque efficiente la rete dei trasporti pubblici: la compagnia KTEL assicura collegamenti con le città principali e se vorrete fare una deviazione in un paese, basterà accordarsi con il conducente prima della partenza.

Viaggio di Pasqua a Creta
Pasqua nel Sud di Creta: il paesino di pescatori di Loutro, culla delle tradizioni Pasquali dell’isola

La maggior parte delle strutture ricettive sono collocate nella parte nord dell’isola, così come i ristoranti ed i locali più alla moda, per lo più concentrati in alcune zone alla periferia delle maggiori città, veri templi del divertimento per i giovani del nord Europa in luglio ed agosto. Qualche nome? Hersonissos e Platanias.
Vi consigliamo di scegliere il vostro alloggio in base a come vorrete impostare la vostra vacanza e a cosa vorrete visitare durante il vostro soggiorno, e magari variare base ogni 2-3 giorni. Questo è il modo migliore per scoprire Creta, viste le sue ampie distanze.

I siti archeologici sono concentrati soprattutto nella zona nord orientale dell’isola, quindi Heraklion è perfetta come base per lo scopo; se vorrete esplorare l’isola, fare trekking ed immergervi nei luoghi dove si narra che sia nato Zeus, vi consigliamo la zona sud, più rocciosa, selvaggia e con uno spirito ancora molto hippy. Potreste fare base in uno dei villaggi del sud come Agia Galini. Anche la deliziosa cittadina di Chania (deta anche Hania o La Canea) è un’ottima meta per muoversi ad esplorare il sud e la zona occidentale fatta di belle spiagge e mare cristallino. Stupenda anche la vicina Rethymno, città dai mille volti tutta da scoprire, mentre il quarto capoluogo, ovvero Agios Nikolaos, offre il suo meglio in estate, con la sua mondanità.

A prescindere dal luogo in cui sceglierete di soggiornare, vi consigliamo di evitare gli hotel di catena e piuttosto di scegliere una sistemazione a conduzione familiare: che qui sono davvero tanti, carini e a buon mercato, spesso proposti con il nome di “studios” (sorta di residence con servizi da hotel). Godere della fantastica ospitalità greca è infatti una delle migliori esperienze che potrete fare a Creta, ed in particolare potrete vivere appieno le tradizioni pasquali (molto sentite) come se foste uno di famiglia.

Creta, così come tutta la Grecia, è intrisa di tradizioni e storia millenaria, quindi durante il periodo pasquale sarete immersi in un mondo tutto particolare fatto di riti e processioni: ecco a voi la Pasqua cretese, ovviamente e rigorosamente Ortodossa. Tenete conto che qui la Pasqua è una festività molto più sentita del Natale, quindi avrete modo di viverla in tutte le sue sfumature.

Ma andiamo con ordine e partiamo dalla Domenica delle Palme che inaugura la Settimana Santa: ai fedeli vengono donate delle croci fatte di foglie di palma e create dalle donne del paese da appendere dietro alla porta di casa per protezione dalla negatività. Il Giovedì Santo cominciano i veri rituali pasquali: le donne più anziane si impegnano a colorare di rosso le uova sode creando uno spettacolo tutto particolare. Il Venerdi Santo la tomba di Cristo viene adornata da innumerevoli composizioni di fiori e sarà portato in processione per le strade dei vari paesi. Durante tutto il Venerdì Santo l’altare che sarà poi portato in processione resterà esposto per tutto il giorno in modo che i fedeli più credenti possano passarci per tre volte per guarire le loro malattie.

Pasqua a Creta: il Palazzo di Cnosso
Il Palazzo di Cnosso: Pasqua è ideale per una visita, senza il caldo afoso estivo

Si giunge così al Sabato Santo che culminerà nei festeggiamenti della Pasqua domenicale. L’evento più importante del sabato è il rogo di Giuda: nelle piazze principali dei paesi verrà bruciato un fantoccio con sembianze umane per rappresentare l’apostolo traditore. Il fuoco brucerà per ore fino alla mezzanotte quando verranno lanciati petardi e fuochi d’artificio. Lo spettacolo continua con l’accensione delle candele decorate che saranno portate in processione fino alle rispettive case per affumicare lo stipite della porta. Inoltre i paesani faranno un brindisi con le uova rossa: rompendo i gusci vogliono simboleggiare la risurrezione di Cristo.
Nella notte tra il sabato e la domenica molte donne saranno indaffarate alla preparazione dei dolci pasquali, creati con il latte e i suoi derivati, ingredienti proibiti per tutto il periodo della quaresima. Infatti nei paesi più tradizionalisti vi capiterà di trovare dei piccoli appostamenti accanto alle chiese dove vi sarà donato un pezzo di dolce e un uovo rosso per terminare il periodo di quaresima.
I festeggiamenti per la Pasqua termineranno la domenica a pranzo: lo squisito agnello allo spiedo o stufato con i carciofi adornerà tutte le tavole dei cretesi.

Anche se i riti pasquali vi coinvolgeranno, cercate di non tralasciare i siti archeologici e i variegati paesaggi dell’isola. Oltre ai luoghi intrisi di storia come Heraklion e Chania, pensiamo che siano due i luoghi da non perdere: il Palazzo di Cnosso e le Gole di Samaria dove si narra che sia nato Zeus. Purtroppo le due zone sono collocate molto distanti l’una dall’altra, infatti dovrete percorrere tutta Creta da nord a sud per una visita ad entrambe. A Cnosso potrete ammirare i resti della civiltà Minoica e ripercorrere le strade del famigerato labirinto. Nella zona delle Gole di Samaria invece potrete camminare per oltre 16 km ammirando il paesaggio che durante la primavera esprime il meglio di sé con prati verdi e profumati.

Si fa il mare a Creta per Pasqua? Sicuramente potreste trovare delle giornate molto calde che vi permetteranno di stare in costume, così come troverete già alcune spiagge attrezzate. Tuffarsi in mare potrebbe invece risultare un po’ fresco, specie nella costa a nord.

Ma se volete qualcosa di veramente speciale per la Pasqua a Creta, organizzate in modo da essere la domenica Pasquale nel villaggio di Loutro, sulla costa Sud. Questo bianchissimo borgo di pescatori ha la particolarità di essere raggiungibile solo via mare o a piedi e non ha auto ne’ strade. In questo angolo “alla fine dell’Europa” troverete porte spalancate e ogni famiglia vi accoglierà volentieri in casa, anche a pranzo; è una tradizione locale irrinunciabile.


6 commenti

VUOI UN CONSIGLIO PER IL TUO VIAGGIO? SCRIVI UN COMMENTO: VAI IN FONDO ALLA PAGINA, O REPLICA AI TUOI MESSAGGI PRECEDENTI
  1. Ilaria Vigo

    Salve, mercoledì parto per Creta, la domenica di Pasqua volevo andare a vedere il palazzo di Knossos, mi sembra di aver capito che probabilmente è chiuso. Cosa sapete voi?

    • Marco (staff)
      Marco (staff)

      Ti confermo che, purtroppo, la domenica di Pasqua il Palazzo di Cnosso è chiuso, ma è aperto il sabato ed il lunedì.

  2. barbara

    buonasera, saremo a Creta dal 25 agosto al 6 settembre atterrando a Chania. Cerco zona non troppo ventilata in cui soggiornare e casomai spostarci con auto per visitare i dintorni..lato nord ovest andrebbe bene? oppure? abbiamo 2 bambine e in genere stiamo in spiaggia fino a tardi cerchiamo dunque spiaggia di sabbia e mare calmo.. grazie. Partiremo poi da Heraklion..

    • Sandro

      Agia Marina . Hotel Amalthia Beach resort . Vicino Chania . Non te ne pentirai .

      • Marco (staff)
        Marco (staff)

        Bello! Forse un po’ troppo mdoerno.

    • Marco (staff)
      Marco (staff)

      L’ideale sarebbe spostarsi ogni 3-4 giorni per variare e vedere più cose possibili. Se volete fare una base sola, penso che la zona migliore per voi sia quella di Retymno, dotata di spiagge comode e non lontana dalle calette più esclusive del sud.

Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)