Home » Pasqua 2017 » Pasqua 2017 in Italia » Vacanze di Pasqua a Rimini e Riccione: per famiglie e giovani

Vacanze di Pasqua a Rimini e Riccione: per famiglie e giovani

Vacanze di Pasqua a Rimini
Vacanze di Pasqua a Rimini: sarà già possibile starsene in spiaggia?



Rimini e Riccione e la Rivera Romagnola in generale, rappresentano da sempre una meta ideale per trascorrere una divertente vacanza con tutta la famiglia: i bambini più piccoli impazziranno di gioia in uno dei numerosi parchi di divertimento presenti in zona, i più grandicelli potranno far tardi nelle più famose discoteche d’Italia e i genitori potranno rilassarsi ed assaporare il buon cibo del territorio. Inoltre una caratteristica fondamentale che attrae ogni anno migliaia di persone è l’alta disponibilità turistica delle strutture ricettive che permette di mantenere i prezzi ad una soglia medio bassa in qualsiasi periodo dell’anno, festività ed alta stagione comprese.

Quindi la domanda che ci poniamo è questa: perché non cogliere l’occasione per accontentare tutti e trascorrere la Pasqua tra Rimini e Riccione? Probabilmente molti di voi non sanno che Rimini vanta una delle “tradizioni Pasquali” più antiche d’Italia, scovata negli annali del 1700 e legata al porto e al Mar Adriatico. Ma prima di procedere con gli eventi pasquali, vediamo cosa si può fare a Rimini e Riccione in questo periodo.

Per i bambini: divertimento assicurato

Cominciamo con i bambini e le attrazioni a loro dedicate. Fiabilandia è senz’altro il parco più conosciuto di Rimini, ad esclusione di quelli acquatici che per ovvie ragioni sono ancora chiusi nel periodo pasquale. Fiabilandia resterà aperto dalle 10:00 alle 18:00 e i bambini potranno provare le attrazioni come la Giostra dei Cavalli e la Valle degli Gnomi dedicate ai più piccoli e il Villaggio Apache e il Castello di Merlino che colpiranno piacevolmente anche gli adulti. Certo non c’è da aspettarsi un grande parco come quello di Mirabilandia, ma per trascorrere una giornata piacevole e divertente, senza lo stress degli spazi enormi dei classici parchi divertimento, questo è l’ideale. I prezzi partono da 23,50 € per gli adulti, con sconti per i soci Coop.

Vacanze di Pasqua a Rimini
Vacanze di Pasqua a Rimini: sarà già possibile starsene in spiaggia?

Nelle vicinanze troviamo l’Italia in Miniatura, storico parco italiano che negli ultimi anni ha saputo stare al passo con i tempi inaugurando nuove attrazioni. Il parco apre alle 10:30 e chiude alle 18:00: per un giorno anche i bambini potranno sentirsi dei giganti e ammirare tutte le regioni italiane e alcune nazioni europee…dall’alto. Non mancano alcune attrazioni più movimentate come il cinema 7D e le canoe. Si potranno effettuare degli esperimenti nel Luna Park della Scienza e ammirare alcune specie volatili nel Pappamondo. Il prezzo d’ingresso è di 23,00 €, ma si trovano sempre degli sconti e convenzioni anche con gli hotel della Riviera.

Per ammirare un ambiente naturale, vi consigliamo di portare i bambini al Parco Tematico di Oltremare: tante iniziative e visite guidate porteranno i piccoli esploratori a scoprire il variegato mondo della fauna. I prezzi dei biglietti partono dalle 21,00 € ed acquistandolo online con data aperta, si risparmiano 2,00 €. Se la giornata di Pasqua fosse piovosa potrete optare per l’Acquario di Cattolica, situato a pochi chilometri da Riccione: anche in questo caso la giornata sarà scandita da numerosi appuntamenti ai quali i bambini potranno assistere, come il pasto ai pinguini, i giochi con le lontre e il pasto agli squali. Il prezzo è di 20,00 € per gli adulti, ma non sarà difficile trovare sconti e convenzioni con il proprio hotel.

Anche se più distanti, ma comunque facilmente raggiungibili sia da Rimini che da Riccione, si trovano Mirabilandia e il Safari Ravenna.

Per i giovani: le discoteche di Rimini e Riccione

In entrambe le città non troverete che l’imbarazzo delle scelta. Il divertimento per i gruppi di amici e i giovani è certamente assicurato. A Rimini le discoteche più in voga del momento sono la Coconuts e l’Altro Mondo Studios. La Coconuts è situata proprio nel cuore della città, vicino al lungo mare Carlo Tintori: il locale non offre soltanto balli sfrenati e musica elettronica fino al mattino, ma anche la possibilità di cenare nell’elegante ristorante interno alla struttura. Molto moderna e futuristica è la location dell’Altro Mondo Studios, dove durante la serata disco vengono proiettate immagini e fotografie nei grandi schermi situati nella zona centrale della sala. Per mangiare una buona pizza, senza rinunciare al divertimento vi consigliamo il Bounty: come suggerisce la parola, lo stile è quello dei pirati, così come l’intera location, tutta rifinita in legno, come un vero vascello.

A Riccione si trova una delle discoteche più famose della Riviera: stiamo parlando del Cocoricò, ormai conosciuto anche al livello internazionale, dove ogni sera risuonano le note dei più famosi dj set del momento. In alternativa segnaliamo anche il Peter Pan e il Pascià, anche se non hanno niente a che vedere con la particolarità del Cocoricò.

Per gli adulti: le maggiori attrazioni delle città

Certamente Rimini e Riccione non sono paragonabili ad altre città storiche ed artistiche italiane come ad esempio Firenze o Roma, ma comunque una camminata per le vie del centro lascerà piacevolmente stupiti i turisti che vi transitano per la prima volta. Cominciamo con Rimini: il centro della città è quello racchiuso tra la Circonvallazione Meridionale e Via Roma. Il cuore è certamente la Piazza dei Tre Martiri, da dove si snoda il lungo Corso d’Augusto che termina in Piazza Cavour, altro luogo da visitare. Vi consigliamo di proseguire ancora verso nord, per incontrare il meraviglioso Ponte di Tiberio e la Chiesa di Santa Maria dei Servi.
A Riccione, la situazione è molto più limitata: non c’è un centro storico dove potersi soffermare in qualche chiesa storica o museo. A Riccione si viene soltanto per svagarsi e divertirsi.

La Pasqua: le tradizioni di Rimini e Riccione

Il primo appuntamento è quello del Venerdì Santo, quando parte la processione che ripercorre le tappe della Via Crucis, verso il colle di Covignano. Da secoli, tutti gli abitanti della città riconoscono nel Santuario delle Grazie di Covignano uno dei luoghi più importanti e sacri della zona. Il colle, così alto in confronto al paesaggio pianeggiante e circostante, aiutava i naviganti ad orientarsi e ad entrare nel porto senza difficoltà. Inoltre la storia narra che il lunedì di Pasqua, la maggior parte della famiglie si recasse sul colle per trascorrere insieme questa giornata di festa, con tanto di panierino e tovaglia per il pic nic.
Ma torniamo al Venerdì Santo: l’appuntamento è previsto per le ore 21:00 da Via di Covignano, dove partirà la processione che porterà la croce di Cristo a ripercorrere le dolorose tappe della Via Crucis. Quest’evento è uno dei più antichi di tutta Italia e viene vissuto con calorosa partecipazione da tutti gli abitanti.

Il sabato prima di Pasqua, tutti i fedeli portano un uovo lesso in chiesa per farlo benedire: verrà mangiato come da tradizione la mattina di Pasqua insieme alla tipica ciambella pasquale in uso nella riviera romagnola.

Il Lunedì Santo, esattamente come facevano i riminesi nel 1700, il luogo di ritrovo è quello del Santuario delle Grazie. Pesce, vino, olio, pane in abbondanza per tutti per rinnovare il voto e la luce eterna della lanterna dedicata alla Madonna delle Grazie che in tutti questi secoli ha protetto i marinai e la loro navigazione.

Uno degli appuntamenti fissi della settimana di Pasqua è il mercatino pasquale che si svolge tra le vie della città: nella settimana prima di Pasqua viene allestito un mercatino che vende generi non alimentari, quali, ad esempio, piante e fiori, oltre a decorazioni pasquali. Al contrario il mercato che viene allestito nei tre giorni clou della Pasqua, il sabato, la domenica e il lunedì, vende dolciumi e altri oggetti da regalo.

Per quanto riguarda le tradizioni culinarie non ci sono particolari differenze rispetto al resto d’Italia: si prediligono strozzapreti o tagliatelle al ragù di primo, a cui segue l’immancabile agnello. L’unica ricetta pasquale romagnola che accompagna il pranzo e i giorni antecedenti alla festività è la ciambella rustica: la tradizione vuole che non ci sia un buco nel centro e che sia decorata con zucchero semolato o granelle dolci.


2016-12-30

1 Commento

VUOI UN CONSIGLIO PER IL TUO VIAGGIO? SCRIVI UN COMMENTO: VAI IN FONDO ALLA PAGINA, O REPLICA AI TUOI MESSAGGI PRECEDENTI
  1. elisa

    A proposito dell’hotel Principe di Rimini segnalo la loro vantaggiosa offerta Pasqua Rimini

Scrivi il tuo messaggio

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)